Dopo Electronic Arts tocca a Bethesda tenere il banco dell’E3 2016, con quella che promette essere una delle conferenze più frizzanti dell’intera fiera losangelina. Non si hanno certezze ferree (anche se alcuni rumor potrebbero essere presi quasi come annunci), tuttavia il calibro dei giochi che si vocifera ci possano essere è davvero quasi inarrivabile. Scopriamo insieme di quali grandi nomi si tratta, provando a fare anche qualche azzardo e teoria. Se siete interessati non mancate di seguire l’evento il 13 giugno alle 4:00 (è dura, lo sappiamo).

Le certezze, o quasi: Dishonored 2 e The Elder Scrolls V: Definitive Edition

È impossibile scordare il primo Dishonored, quel capolavoro di gameplay e ambientazione che Arkane tirò fuori dal cilindro, sorprendendo un po’ tutti. Proprio per questo ci aspettiamo che il secondo capitolo faccia faville, nonostante molte cose siano cambiate, a partire dall’ambientazione. La fredda Dunwall ha lasciato posto ad una più meridionale Karnaka, i topi sono stati sostituiti con sciami di insetti volanti e lo scafato Corvo Attano è affiancato dalla giovane Emily Kaldwin. Ora manca solo di vedere qualche sequenza di gameplay in più e poi potremo aspettare beati la data d’uscita, fissata per l’11 novembre 2016.
Curioso che lo stesso giorno di cinque anni fa venne rilasciato uno dei GDR occidentali più belli sulla piazza, The Elder Scrolls V: Skyrim. Lo stesso gioco che dovrebbe apparire in una versione rimasterizzata sul palco dell’evento. Per dovere di cronaca dobbiamo dire che, sulla carta, si tratta solo di rumor, ma di fatto siamo quasi certi verrà annunciato The Elder Scrolls V: Definitive Edition per PlayStation 4 e Xbox One, con tanto di DLC e supporto alle mod. Ce n’era davvero bisogno? Diciamo di no, ma considerato il successo della versione “liscia”, questa riedizione potrebbe garantire qualche introito in più e spianare la strada per l’annuncio dell’agognato sesto capitolo.

Il trio delle meraviglie: The Evil Within 2, Wolfenstein 2 e Prey 2

La conferenza Bethesda all’E3 2016 sarà la fiera dei secondi capitoli, almeno secondo quanto dicono i rumor trapelati in questi giorni. Gli annunci importanti dovrebbero essere ben tre: The Evil Within 2, Wolfenstein 2 e Prey 2, finalmente ricomparso dopo quattro anni e dopo una serie di voci che ne volevano la cancellazione.
The Evil Within 2 è sicuramente un gioco che potrebbe far scalpore, Mikami ha fatto un buon lavoro con il primo capitolo, riuscendo a proporre meccaniche tipiche dei Resident Evil di una volta, senza rinunciare ad alcuni benefici della modernità. Speriamo che con questo secondo capitolo (sempre che venga annunciato) si risolvano alcune questioni spinose, soprattutto tecniche, e si continui sul solco tracciato dal predecessore, senza svicolare su strade più “casual”.
Discorso simile per Wolfenstein 2, che dovrà raccogliere l’eredità di un gioco come The New Order. Noi però ci fidiamo dei MachineGames e siamo quasi certi che non tradiranno le nostre aspettative: una storia narrata dignitosamente, tante armi, un gameplay frenetico e nazisti, tanti nazisti.
Prey 2 merita un discorso a parte, il gioco era stato annunciato durante l’E3 2012 (ed era in lavorazione dal 2008!) dopodiché era sparito misteriosamente e molti avrebbero scommesso sulla sua cancellazione. Poi alcune voci hanno riferito che il gioco era tutt’altro che morto, infine poco prima dell’E3 diversi insider lo hanno dato come ospite certo della conferenza Bethesda. Se non avessimo giocato il recente DOOM (anch’egli frutto di uno sviluppo oltremodo travagliato) nutriremmo qualche serio dubbio sulla bontà di Prey 2, ma nonostante il tempo trascorso sia tanto ci aspettiamo un prodotto di assoluta qualità. Non è detto, inoltre, che comparirà il numero due dopo il nome, dopotutto siamo nell’epoca dei reboot.

Le sorprese

quake 2

Se non vi foste bastata la lista di nomi altisonanti che trovate qua sopra, proveremo a farvi venire l’acquolina con altre voci di corridoio, in questo caso molto meno plausibili. Partiamo con Fallout 4, perché alcuni insider hanno affermato che potrebbe arrivare una seconda stagione di DLC e che ciò potrebbe addirittura ritardare l’arrivo di The Elder Scrolls VI, che quasi certamente è in lavorazione. Effettivamente qualche tempo fa si era parlato di un DLC chiamato “Nuka World” e di un altro ambientato nelle profondità degli abissi, entrambi non hanno fatto capolino nel Season Pass. Non siamo sicuri verranno presentati davvero, ma mai dire mai.
A proposito di The Elder Scrolls VI, anche le voci sul sesto capitolo di una delle saghe fantasy più affascinanti di sempre non sono mancate, ma in questo caso (vista anche la presenza della remaster di Skyrim) ci sentiamo di escludere la sua presenza. Poi se Bethesda vuole farci il sorpresone, ben venga.
Sempre sulla scia di speculazioni non possiamo non citare la possibilità (remota) dell’annuncio di un nuovo Quake, che sia un reboot o un vero e proprio quinto capitolo. Dopotutto Wolfenstein e DOOM hanno risposto allappello e uno dei troni del regno degli FPS è ancora vuoto.
In ultimo crediamo che possa essere presentata una nuova piattaforma di Bethesda (era già stata mostrata qualche tempo fa quando si parlò delle mod di Fallout 4 su Xbox One), sulla falsariga di Origin o Uplay, quindi anche con uno store interno dedicato ai giochi dell’azienda americana.
Ah, inoltre Todd Howard ha riferito che Bethesda Softworks sta lavorando a tre progetti “diversi da tutto ciò che è stato fatto in precedenza”, possibile che almeno uno di questi possa essere mostrato durante l’evento? Noi lo speriamo.

Oltre a tutto quello che abbiamo già citato, siamo certi si avrà occasione di parlare anche di The Elder Scrolls: Online (una nuova espansione?) e del nuovo gioco di carte Elder Scrolls: Legends. Non vi resta che cominciare a darci dentro con i caffè e prepararvi per il 13 giugno alle ore 4:00 italiane (questo il canale Twitch da dove verrà trasmesso l’evento). Per tanti altri aggiornamenti seguite il corposo coverage dell’E3 2016 targato Gamesquare.it.