Nonostante Playstation VR costi molto meno rispetto la concorrenza, non viene venduto in perdita.

A confermare ciò è la stessa Sony: “otteniamo un profitto dalla vendita del dispositivo VR.

E dunque viene ribadito quanto affermato in precedenza anche da Adam Boyes di Sony, alcuni mesi fa: “Ovviamente dobbiamo fare soldi dalla vendita dell’unità, ma siamo nel business dell’elettronica di consumo da tanto tempo e abbiamo l’abilità di costruire componenti di alta qualità.”

A quanto pare Sony ha fatto un buon lavoro nel riuscire a ricavare un profitto con il suo Playstation VR venduto al prezzo di 400 euro, rispetto ai 700 euro di Oculus Rift e ai circa 900 euro di HTC Vive.

PlayStation VR