Hideo Kojima ha approfittato del palco della Comic Con di San Diego per dare altri dettagli su Death Stranding, progetto ancora misterioso annunciato nel corso dell’E3 2016. Come era facile prevedere il gioco è ancora in uno stato molto embrionale, il team di sviluppo sta ancora scegliendo il motore di gioco tra quelli che si possono meglio adattare alle esigenze. Inoltre anche la sceneggiatura non è completa e, anche se Kojima probabilmente ha già in mente la storia, sta ancora valutando cosa aggiungere e cosa togliere.

Il video di presentazione dell’E3 era una scena d’intermezzo che si vedrà all’interno del titolo completo, essa infatti era stata realizzata con grafica in tempo reale ed era possibile ruotare le telecamere. Il mondo di gioco sarà quindi molto particolare, ma con diversi elementi che lo ricollegano alla realtà di tutti i giorni.

Si tratterà di un action, anche se Kojima non ha mai definito in maniera cristallina l’impianto del gameplay, probabilmente proprio perché il progetto è in uno stato embrionale, ma è altresì plausibile che il game designer abbia qualche idea in mente che potrebbe risultare molto interessante.

Kojima ha concluso il suo intervento dichiarando ancora una volta il suo amore per il cinema, ha espresso la volontà di lavorare con John Carpenter e Dario Argento, due grandi personalità con cui non ha ancora avuto modo di lavorare. Inoltre ha detto che da inizio anno ha visto circa 85 film, ma ha giocato davvero poco. Nonostante questo è curioso di provare Pokémon GO una volta tornato in Giappone.

Death Stranding action game