Kojima confronta la difficoltà di Ground Zeroes con quella di The Phantom Pain

Hideo Kojima ha rilasciato su Twitter un messaggio che mette a confronto il gameplay di Metal Gear Solid V: The Phantom Pain con quello di Ground Zeroes. Il game director afferma che nel prologo non erano a disposizione del giocatore diverse armi e quindi giocare poteva risultare più complicato, la cosa in The Phantom Pain sarà risolta in quanto il giocatore avrà a disposizione diversi gadget in più ed un compagno. Vi riportiamo il testo del tweet tradotto.

Se pensavate fosse difficile giocare con Ground Zeroes, penso vi troverete bene con The Phantom Pain. Il feeling delle missioni è intatto, ma migliorato sotto vari aspetti grazie al sistema di recupero Fulton e alla possibilità di usare il cane. La struttura è diversa rispetto a Ground Zeroes, che era ambientato in uno spazio chiuso da cui non si poteva scappare.

Ho scritto che ‘il feeling delle missioni è intatto’ in quanto, basandomi sul feedback derivante da Ground Zeroes, l’approccio alla missione in The Phantom Pain non è confusionario. È stato ottimizzato perché risulti più facile da giocare.

Metal Gear Solid V The Phantom Pain-02