La torrida estate non ferma né i progetti indipendenti né la redazione di Gamesquare, ma riesce a regalare delle fantastiche sorprese!
Ehi gente da favola! L’estate è arrivata con tanto di sole, mare, bibite fresche, componenti elettronici fusi dal calore, etc. Anche questo mese, con un po’ di anticipo, il vostro caro InkWolf si è gettato nella ricerca di promettenti progetti sulle piattaforme di crowdfunding. Per questo appuntamento ho avuto a che fare con titoli dei generi più disparati! Senza ulteriori indugi vi do il benvenuto ad un nuovo Indiependence Day, buona lettura.

Kickstarter: Hyper Arcade – Hyper Sentinel

Il primo titolo di oggi è Hyper Sentinel, uno shoot ‘em up a scorrimento orizzontale che da un lato sa di nostalgico e dall’altro riesce a generare sorrisi a trentadue denti grazie ai suoi colori e al suo dinamismo. Nei dodici livelli potrete affrontare diverse tipologie di nemici e boss battle uniche, grazie alla vostra veloce navicella e ai power up sparsi per gli stages. Hyper Sentinel è attualmente in sviluppo per PC e iOS, ma nel frattempo potete giocare la demo disponibile sui sistemi iOS e accumulare punteggi!

Kickstarter: Rane, Platform e tanta qualità – Mongrel

Quello del platform bidimensionale è tra i più abusati nel mondo degli indie, cionondimeno in diverse occasioni ho avuto a che fare con diversi progetti del genere molto interessanti. In Mongrel vestirete i panni di Finch, un esserino metà umano e metà rana, nella ricerca di quattro artefatti necessari per comunicare con gli dei e riuscire quindi a ritrovare il padre scomparso. L’avventura porterà Finch in tanti luoghi diversi, dalla città fino alla giungla, passando per un vulcano! E come se non bastasse il simpatico protagonista dovrà fronteggiare diverse creature pericolose, ma il viaggio è lungo e magari non dovrà affrontarlo tutto da solo.
Quello di Mongrel è un piccolo universo nel quale sarebbe meraviglioso perdersi, dove colori e idee si mischiano dando vita a qualcosa di unico nel suo genere, qualcosa che personalmente non vedo l’ora di vedere nella sua forma definitiva.

Kickstarter: Quando il classico incontra l’epicità – The Tale of The Ice Staff

The Tale of The Ice Staff è un Action RPG bidimensionale dotato di una grafica a pixel, fin qui nulla di lontano dalla norma eppure questo promettente progetto ha più di un asso nella manica.
La storia vi metterà nei panni di uno dei tre eroi disponibili e vi getterà in un universo dove le vostre scelte contano, poiché vi porteranno a uno dei 50 finali disponibili!
L’ammontare di contenuti è davvero ragguardevole, considerando l’elevato numero di nemici e di boss che potrete affrontare, oltre alla generazione procedurale di diversi livelli. Un’aggiunta molto interessante è quella dei “Memory stage”, che potrete affrontare ogni volta che avrete sconfitto uno dei 35 boss, così da scoprire più informazioni relative al background e alla storia del nemico in questione.

Kickstarter: A caccia di dei tra le nevi – Prey for the Gods

L’ultimo titolo di questo appuntamento aveva già fatto parlare di sé mesi addietro e la sua campagna su Kickstarter è iniziata mentre stavo già redigendo questo articolo. Il progetto in questione è Prey for the Gods, un gioco non lineare in cui vestirete i panni di un’eroina solitaria inviata ai confini di un mondo morente, per scoprire il mistero dietro un inverno perenne. L’intera avventura vi metterà dinanzi a delle scelte fondamentali relative alla vostra sopravvivenza e agli scontri, componenti fondamentali del progetto insieme all’esplorazione del vasto mondo di gioco.
Prey for the Gods prende ispirazione da titoli come Deus Ex, DayZ, BloodBorne e Shadow of the Colossus (come è possibile notare dai giganteschi nemici nel trailer), riuscendo a raccogliere il meglio da tutti loro senza risultare un plagio, almeno per quanto visto fino ad ora.

Tiriamo le somme:

La torrida estate è comunque riuscita a portare una fantastica ventata d’aria fresca nel mondo dei progetti indipendenti. Ognuno dei titoli presentati oggi ha qualcosa di unico, che si tratti della sensazione di nostalgia o di un’ottima direzione artistica non importa, sta di fatto che tutti loro meritano di raggiungere il loro traguardo. E voi cosa ne pensate? Avete preferito il semplice gameplay di Hyper Sentinel o le lande ghiacciate di Prey for the Gods? Fatemi sapere la vostra con un commento oppure attraverso il forum di Gamesquare.it.
Per oggi non ho altro da dire gente da favola, quindi non mi resta altro da fare se non augurarvi una magnifica estate da parte mia e di tutta la redazione.