Guillermo del Toro dice addio al mondo dei videogiochi

Guillermo del Toro dice definitivamente addio al mondo dei videogiochi. Tutti i progetti in cui è stato coinvolto sono finiti male ed è stufo di sentirsi l’albatro (un uccello che secondo la tradizione marinaresca porterebbe sfortuna) di turno. Leggiamo le sue parole.

Mi sono sentito l’albatro dei videogame. Ho collaborato con THQ ed è andata in bancarotta. Ho collaborato con Kojima e ha lasciato Konami. Per evitare di distruggere la vita di qualcun altro, ho deciso che non mi farò mai più coinvolgere nella realizzazione di un videogame. Se collaborassi con qualcuno, potrebbe esplodergli la casa o qualcosa del genere.

Il mio era un apprendistato. Ho imparato molto da Kojima-san, naturalmente, così come dalla mia esperienza in THQ. Si tratta di cose che hanno cambiato il modo in cui vedo la narrazione. Il progetto per THQ ha richiesto due anni di lavoro, è stato folle: abbiamo realizzato un piano, tracciato i contorni, gestito la parte pratica, creato la sceneggiatura. Un sacco di roba.

Ora conosco alcuni trucchi, le cose che volevo imparare le ho imparate. Dopodiché sono andato da Kojima-san, perché è un maestro e posso dire con piacere che siamo amici, amo il suo lavoro e continuerò a imparare da lui come amico. Però… se collaboro alla creazione di un altro videogame, potrebbe cominciare la terza guerra mondiale.

Kojima Del Toro