Nel corso dell’Investor Day, Andrew House, presidente di Sony Interactive Entertainment, ha destinato molto tempo nell’evidenziare il grande successo di PlayStation 4. La console ha venduto più di 40 milioni di unità, ma probabilmente non ha ancora raggiunto il suo picco massimo, questo perché dai dati raccolti il picco software e quello hardware non si sono mai verificati nello stesso momento, bensì il primo si è sempre manifestato con un anno di anticipo.

Sony vuole mantenere questo andamento anche negli anni fiscali 2017 e 2018 e si aspetta grandi cose dalla lineup di titoli first party annunciati anche nel corso dell’E3, giochi che usciranno tra il 2016 e il 2017. A proposito di questo ci sono stati anche i complimenti di Aaron Greenberg di Microsoft. esprimendo il suo rispetto per Yoshida e la sua idea che “Sony abbia fatto un grande lavoro“.

House ha poi risposto ad altre domande, specialmente quelle riguardanti l’atteggiamento più cauto e conservativo adottato all’inizio della generazione. Il motivo è semplice, il mercato mobile destabilizzava l’intero quadro generale, ma con l’attuale situazione di PlayStation 4 il mercato è divenuto molto più stabile e ci sono più possibilità di rischiare.

Snoccioliamo ora un po’ di numeri. Gli abbonati al PlayStation Plus sono ben 21 milioni, mentre gli utenti attivi sono addirittura 60. Secondo alcuni calcoli il profitto generato dagli utenti paganti potrebbe arrivare addirittura ad 800 milioni.

PlayStation 4 Investor Day 1

Per quanto riguarda PlayStation 4, invece, è stato riferito che si tratta della console più venduta in tutta la storia di Sony. Se proseguirà su questi ritmi potrebbe addirittura superare il numero di unità vendute da PlayStation 2. Ora la società giapponese sta puntando forte su PlayStation VR e anche su aspetti extra-ludici.

PlayStation 4 Investor Day 2

In ultimo non potevano mancare le rassicurazioni su PlayStation Neo. La nuova console non aprirà un ciclo di upgrade hardware regolari (come avviene per il PC), ma sarà un hardware di mezza generazione che non dovrebbe influire negativamente su chi già possiede PlayStation 4. L’importante, ci tiene a sottolineare Sony, sarà rispettare il motto “one console world“, cioè che tutto l’hardware di PlayStation Neo girerà senza complicazioni anche su PlayStation 4, e viceversa.