Non ci aspettavamo una conferenza Microsoft così scoppiettante, e invece la casa di Redmond ci ha sorpresi, con una lineup davvero invidiabile. Oltre all’ormai attesissimo Halo 5: Guardians e la rivelazione Recore, siamo rimasti piacevolmente sorpresi dall’annuncio di Gears 4, il seguito di Gears of War 3 sviluppato dai ragazzi di The Coalition. Ci ha convinto? Non ci ha convinto? Vi basta continuare a leggere.

Gears 4 01

Ci è piaciuto

Graficamente d’impatto, è la prima cosa che abbiamo notato: ottimo sistema di illuminazione, buon livello di dettaglio (nonostante il livello fosse buio) ed animazioni. Ci sono piaciute le folate di vento che scuotevano gli alberi e il supermegatornado distruttore che incombeva sui nostri eroi.

Nuovi nemici? Durante la demo abbiamo avuto modo di saggiare uno scontro con dei nemici alieni simili a canidi multilingua, non sappiamo bene definire di quali mostruosità si trattava, ma sicuramente si incontreranno nuovi nemici. Che ci sia un addio alle celebri Locuste?

Fucile motosega in grande spolvero, nonostante il cambio di rotta sia evidente, torna a grandissima richiesta il Lancer, con cui smembrare nemici in allegria. L’utilità in combattimento non può essere messa in discussione: le pugne corpo a corpo possono essere risolte con un bel affettato a base di sangue i violenza.

Gears 4 03

Non ci è piaciuto

Spazi poco ampi?  Dopo aver visto un video di pochi minuti non ci si può fare un’idea precisa, ma abbiamo notato che le locations percorse dalla squadra protagonista del gameplay erano piuttosto lineari e strette, con un apertura nel cortile finale. Speriamo che nella versione fatta e finita del gioco ci siano molte più ambientazioni aperte, dove poterci spostare per aggirare i nemici o eseguire tattiche di squadra.

I The Coalition saranno all’altezza?  Il buon Cliff Bleszinski ha abbandonato Epic Games per dedicarsi a Blue Streak con il suo nuovo team Boss Key Production e la palla della saga Gears of War è passata ai  The Coalition. Non dubitiamo che il team sarà in grado di regalarci un buon capitolo, ma sapranno mantenere intatta la storica eredità lasciataci da Cliffy B. e soci?