Digital Foundry ha pubblicato una approfondita videoanalisi riguardante la versione PlayStation 4 di Rise of the Tomb Raider. Il gioco di Crystal Dynamics mette a disposizione tre preset: 4K dinamico, 1080p “enriched visuals” e 1080p “high framerate”.

Dall’analisi emergono diversi problemi, soprattutto relativi al preset che dovrebbe garantire un framerate più alto. Quest’ultimo, infatti, soffre molto nelle sezioni più critiche, rimanendo incostante (ma sempre sopra i 30) per tutto il corso dell’avventura. Il 1080p arricchito, invece, non garantisce molti benefici, al contrario del 4k dinamico (che però richiede una TV adatta). A conti fatti, per godersi al meglio il gioco su PlayStation 4 Pro è conveniente impostare quest’ultima opzione.

Digital Foundry riferisce anche che dopo la patch 1.05 i fenomeni di frame pacing sono aumentati, urge quindi un intervento tramite una patch.