Ubisoft ha pubblicato Collapse, un particolare simulatore che vi dimostra il crollo della società a causa di un’epidemia partendo da un paziente zero. Il simulatore è stato lanciato come parte della campagna marketing di Tom Clancy’s The Division, previsto per l’8 marzo su PC, PlayStation 4 e Xbox One, e può essere raggiunto attraverso questo link.

Collapse è un’esperienza interattiva online che utilizza dati reali per creare una simulazione coinvolgente e personalizzata della fine della società moderna. L’utente è il paziente zero di un virus estremamente contagioso e dovrà fare delle scelte che avranno conseguenze pratiche sulla diffusione della pandemia.

Basato sui dati di OpenStreetMap, oltre che su dati open source della NASA e rotte aeree della IATA, con il contributo di alcuni esperti di gestione delle emergenze e operatori pubblici, Collapse include più di 3.800 città, che attualmente ospitano ben il 95% della popolazione mondiale. L’utente può confrontare i vari scenari, selezionando un diverso epicentro o facendo altre scelte nel simulatore, per individuare le città più vulnerabili e quelle più sicure.

Collapse è un drammatico promemoria della fragilità e della complessità dei sistemi interdipendenti sui quali contiamo ogni giorno, come elettricità, trasporti, comunicazioni, banche e ospedali. Quando uno di loro crolla, gli altri sono destinati a precipitare nel giro di pochi giorni. Collapse mostra con quanta rapidità crollerebbe il nostro mondo in caso di una pandemia simile a quella di Tom Clancy’s The Division, aiutando così a comprendere meglio lo scenario del gioco.