Sembrerà strano ma è proprio così, il primo festival del porno in realtà virtuale è stato chiuso anzitempo. La notizia arriva “guarda un pò” dal Giappone, patria delle notizie alquanto curiose, nello specifico il motivo per cui la calda fiera è stata annullata sarebbe il prezzo di accesso molto basso ($30) che ha spinto una folla enorme a partecipare.

Infatti gli organizzatori a causa del sovraffollamento hanno temuto di non riuscire a controllare l’evento, chiudendolo. Che la loro decisione abbia spento i bollenti spiriti o i partecipanti delusi abbiano ripiegato su altro?

VR

 

Condividi
Articolo precedente“Cryogen” la nuova mappa di Call of Duty Black OPS III
Articolo successivoRecensione The Technomancer
Disincantato sognatore, ama la libertà d’azione e l’esplorazione. Onnivoro consumatore, ha affinato il proprio gusto con titoli del calibro di Dishonored e BioShock, odia le etichette e la disinformazione. Approdato recentemente nel mondo della critica videoludica cerca di trasferire in tutto quello che fa un’acuta riflessione sul medium e un pizzico di fantasia, crede fermamente nella “nobilitazione” del videogioco.