In tantissimi hanno protestato contro le politiche di Donald Trump, non sono rimaste in silenzio tante software house, alla lista si è aggiunta Blizzard, che si è schierata apertamente contro il bando del presidente americano.

Mike Morhaime, CEO di Blizzard sembra aver espresso la sua solidarietà verso i dipendenti che sono stati colpiti dalle politiche statunitensi, offrendo loro supporto legale e tecnico, per gestire il difficile momento. 

La notizia è pervenuta attraverso Polygon, che ha ricevuto una nota anonima, che aggiunge: “L’ordine eseguito è in netto contrasto con i valori su cui è fondata la nostra società. Noi siamo, e sempre saremo, una compagnia che mira all’inclusione, che abbraccia le diversità e che tratta tutti con rispetto. Queste sono le fondamenta che rendono grande non solo la nostra azienda, ma l’America.”

La politica di Trump sta generando un enorme scompiglio globale, lasciando molte persone impossibilitate a tornare alla propria dimora ed al proprio lavoro.