La scarsa chiarezza comunicativa messa in atto per No Man’s Sky sembra aver messo Sean Murray e il suo studio in una situazione alquanto delicata, visto che l’autorità britannica, Advertising Standards Authority, ha avviato un’indagine per pubblicità ingannevole. Il principale elemento critico riguarderebbe la descrizione del gioco e le immagini pubblicate sui principali rivenditori online, in particolare Steam.

No Man's Sky murray 2
Quante corbellerie ci hai raccontato caro Murray.
Condividi
Articolo precedenteAnteprima Albion Online
Articolo successivoEcco il nuovo trailer di Mafia III
Disincantato sognatore, ama la libertà d’azione e l’esplorazione. Onnivoro consumatore, ha affinato il proprio gusto con titoli del calibro di Dishonored e BioShock, odia le etichette e la disinformazione. Approdato recentemente nel mondo della critica videoludica cerca di trasferire in tutto quello che fa un’acuta riflessione sul medium e un pizzico di fantasia, crede fermamente nella “nobilitazione” del videogioco.