Ubisoft si lancia nelle corse, scoprite le nostre impressioni su una nuova IP che promette adrenalina.

Il genere automobilistico non è mai stato in crisi e bene o male il mercato di questo genere è sempre riuscito a far quadrare i suoi conti. Quest’anno sono attesi molti titoli interessanti: Forza Horizon 2, Project CARS, World of Speed, The Crew, F1 2014 e DriveClub.

Data di uscita 11 Novembre 2015
Genere Automobilistico
Modalità di gioco Multiplayer
Piattaforme PC – PS4 – Xbox 360 – Xbox One
Sviluppato da Ivory Tower e Ubisoft Reflections
Distribuito da Ubisoft
Versione testata PC
thecrew-cover

Ivory Tower, una casa produttrice nata da ex-sviluppatori legati alla serie Test Drive, si unisce al folto gruppo con The Crew che sta sviluppando in collaborazione con Ubisoft Reflections.
Dato che la concorrenza sarà molta, sarà in grado di accaparrarsi l’utenza e a mantenerla nonostante gli altri titoli?

Casual o non casual, questo è il dilemma

The Crew è un titolo che si può definire “tuttofare”, siccome al suo interno ospita sia una buona componente singleplayer, in grado di offrire ben 20 ore di gioco, che una multiplayer piuttosto pronunciata.
Un gioco con una trama lunga, soprattutto se si tiene conto che è un automobilistico, una grande varietà di vetture, una mappa tanto grande da richiedere 90 minuti per essere percorsa coast-to-coast e la possibilità di personalizzare esteticamente la propria auto, non può non attirare le attenzioni del pubblico.
È altresì dotato di un sistema di guida dall’approccio casual, ma che allo stesso tempo è in grado di offrire un buon grado di difficoltà anche ai più esperti. L’esperienza di guida con la classica tastiera si è rivelata piacevole, anche se il joypad è indubbiamente la periferica più adatta a questo genere, qualora non si disponga di un set super attrezzato con volante, pedaliere e cambio manuale.
All’interno del menù di gioco sarà possibile impostare il livello di aiuto alla guida da parte del gioco. Il sistema sembra influire soprattutto sulla tenuta di strada della vettura, non è ancora ben chiaro se questa opzione sarà abilitata anche durante le gare PVP.
A parte le gare PVP, quelle classiche saranno giocabili esclusivamente in solitaria oppure in cooperativa, sfruttando cosi il sistema delle Crew. Le Crew non sono altro che dei gruppi o party di giocatori che si riuniscono per affrontare le gare presenti nel gioco.
Il titolo garantisce una buona diversificazione tra le varie modalità di gioco presenti nelle gare: circuito, abbattimento, sorpasso, inseguimento, slalom, perizia, precisione e molte altre.
Sono presenti anche vari generi di auto, che vanno dalla classica macchina per gare su strada, a quella dedicata agli inseguimenti (Originali, da Strada, Sterrato, Incursione, Prestazioni e Circuito). Tutte con componenti estetiche caratteristiche del genere di appartenenza, ogni auto può avere più kit liberamente intercambiabili dalla console di gioco. Ciò significa che non sarà indispensabile possedere più di un’auto per usufruire di tutte le tipologie di vetture e gare.

the-crew-anteprima-2

Fast and Furious è tornato sotto mentite spoglie!

Il nostro personaggio, un uomo che ama gareggiare in gare clandestine, viene incastrato per l’omicidio di suo fratello. Trascorsi cinque lunghi anni in carcere, un agente dell’FBI lo contatta e lo convince a collaborare nelle indagini riguardanti due criminali che hanno a che fare con le gare clandestine, gli omicidi e la droga. Sembra quasi l’intro del primo capitolo di Fast and Furious.
Si tratta, quindi, di una trama piuttosto scontata, anche se è quel genere di storia che anche a lungo andare continua sempre ad attrarre il grande pubblico.

thecrew

Ubisoft è pur sempre Ubisoft

Non vogliamo dare un giudizio troppo affrettato a tutto ciò che riguarda il comparto tecnico del gioco, però dobbiamo segnalare che l’impianto visivo non è esattamente come ci è stato presentato nei trailer visti all’E3 2014.
Il reparto grafico del gioco ha ancora un po’ di lavoro da portare a termine e l’ottimizzazione del gioco su PC lascia molto a desiderare. In primo luogo l’anti aliasing è pressoché inutilizzabile, se non impostato al minimo consentito. Questo è un problema, dato che il gioco presenta un aliasing vistoso, tanto che anche impostando l’AA al massimo si notano le eccessive zigrinature presenti sia nei modelli delle macchine che nel paesaggio circostante.
La beta di The Crew aveva il framerate bloccato a 30 su PC senza la possibilità di sbloccarlo. Qualora si decidesse di sbloccare i frame a 60 il gioco donerà una fantasmagorica sensazione di “velocità doppia”, si ha quindi l’impressione di correre a 400km/h quando in realtà si sta andando solo a 200.
Il motore grafico svolge egregiamente il suo operato, rendendo il gioco giocabile su qualsiasi piattaforma hardware, mettendo a schermo modelli delle macchine piuttosto fedeli a quelli veri, offrendo in più la possibilità di personalizzarne ogni aspetto: i rivestimenti interni, il cofano, le marmitte, gli specchietti laterali, l’alettone e molto altro ancora.

Commento

Ho avuto modo di provare questo titolo per svariate ore e devo dire che è piuttosto divertente, anche se appena entrati in gioco sembra quasi di partecipare ad una Alpha e non ad una Beta, per via della grafica ancora da rifinire. Ho tralasciato un particolare nell’anteprima: il gioco spesso freeza, bloccandosi per alcuni secondi per poi riprendere da dove si era fermato. Dato che potrebbe essere un problema personale, l’ho voluto escludere. In conclusione, mi auguro che tutti questi piccoli problemi vengano risolti entro l’uscita ufficiale del gioco.