In questo primo giorno di fiera abbiamo messo le mani su Dead Rising 4, il gioco è presente nello stand di Microsoft e abbiamo potuto testare la sua prima demo.

Data di uscita December 6, 2016
Genere Action
Modalità di gioco Singleplayer
Piattaforme PC, PlayStation 4
Sviluppato da Capcom Vancouver
Distribuito da Microsoft Studios
Versione testata Xbox One
Cover

Durante l’ultima fiera losangelina Capcom ha annunciato il nuovo capitolo della serie Dead Rising, un ritorno alle origini che vede in questo quarto atto la presenza di Frank West, il fotografo che nel primissimo titolo ha reso elettrizzante la permanenza a Willamette.
Dopo qualche mese il team di sviluppo porta a Colonia la sua demo all’interno dello stand di Microsoft, e abbiamo potuto quindi testare per qualche minuto una primissima versione del gioco, già presente all’E3 2016.

Dead Rising 4 E3

Ritorno al centro commerciale

Non conosciamo nel dettaglio la trama ma gli sviluppatori hanno scelto di tornare alle origini, con la stessa ambientazione presente nel capostipite, il famoso centro commerciale in cui anche questa volta si scatenerà il fantomatico virus che tramuta tutti in zombie. Nel dettaglio ci spostiamo al Black Friday, giorno natalizio in cui tutti i risparmiatori americani possono accaparrarsi prodotti a prezzi stracciati. E’ tipico quindi trovare i vari centri commerciali invasi da molta gente, e se il virus colpisse proprio in questo frangente?

Eccoci dunque al nostro provato, non ci troviamo in una grande catena di negozi, ma gli zombie hanno comunque invaso l’intera città fino a spingersi nei quartieri limitrofi. Come accennato la demo si concludeva in pochi minuti, circa 10, quindi non abbiamo potuto esplorare molto; l’unico obiettivo che potevamo seguire consisteva in una missione di salvataggio, con relativa ricerca dei superstiti di una non ben specificata squadra di operai, con la nostra fotocamera che da corredo andava a documentare le nostre pazzie.

Dead Rising 4 E3 3

Non morti ovunque

Capcom ci mette subito di fronte ad una sterminata schiera di non morti, moltissimi personaggi a schermo con un’ottima diversificazione dei modelli, il che spesso non permetteva una giocabilità fluida con alcuni ritardi nel caricamento delle texture e frame rate che raramente manteneva i 30 fps.

Tralasciando questi dettagli che possono ancora essere sistemati, il gameplay si affida a quello già consolidato nel terzo capitolo, con la possibilità di destreggiarsi nell’utilizzo di molte armi dalle più usuali alle più improvvisate, potendole anche craftare. Troviamo dunque una spada di ghiaccio, un’ascia elettrificata per falciare più zombie possibili anche da distanza, un martello gigante simile a quello di Thor ed il consueto arsenale di pistole, mitragliatori, elettrodomestici, pali della luce e chi più ne ha più ne metta. Rimane invariata la possibilità di indossare una miriade di costumi, tra il più efficace sicuramente vi è la Exo Suit, una tuta che vi permette di ridurre i vostri danni potendo scagliare attacchi corpo a corpo micidiali eliminando decine di zombie in pochi secondi, non potrete farne a meno per sfogare la vostra voglia di violenza a mani nude.

Come abbiamo notato portando avanti la carneficina prossimo equipaggiare più di un’arma alla volta, tre nel dettaglio, le quali possono essere ruotate con un semplice tasto o assegnate ognuna ad un tasto differente. Questa soluzione consente sicuramente di poter continuare lo sterminio senza troppe preoccupazioni e conservare l’arma che più ci piace senza aver paura di perderla quando ne proviamo di nuove.

Frank non ha dimenticato la sua passione per la fotografia, con la macchinetta potremo immortalare gli eventi che ci circondano portando a casa punti esperienza che aumenteranno con il numero di avvenimenti rari che fotograferemo.

Dead Rising 4 leked

Commento

Il nuovo Dead Rising sembra essere ancor più fuori di testa rispetto ai precedenti capitoli, il team di sviluppo vuole mirare ad un facile divertimento riempiendo il gioco di tanti strumenti di morte che il giocatore può utilizzare nelle più disparate situazioni. Il vero problema risiede nella ripetitività del gameplay che nel corso della serie si è poco evoluto, con poche novità e tante meccaniche già viste. Il titolo ormai è in dirittura d’arrivo con il lancio fissato a dicembre, siamo sicuri che in molti gradiranno il carattere di questo ritorno al passato, ma per i fan della serie l’acquisto potrebbe deludere.